03/14/2017 - 10:13am      10:13

Tu sei qui

ÖTZI, VITA DA STAR


Ritratto di Mavi
Mavi
0

987

0

7
Italiano

Ötzi, la famosa mummia del Similaun, prende vita e diventa una star del cinema. Sono in corso in questi giorni a Bolzano e nei dintorni le riprese del fantasy "Ötzi e il mistero del tempo" diretto da Gabriele Pignotta, già regista di "Ti sposo ma non troppo". Pignotta è chiamato a dirigere un cast e una troupe internazionali dove figurano attori come Vinicio Marchioni (Romanzo criminale - La serie, Miele) e Alessandra Mastronardi (I Cesaroni) insieme ad attori altoatesini, ai giovanissimi Amelia Bradley e Judah Cousin e al protagonista Diego Delpiano.

Durante una pausa dalle riprese al Museo Archeologico, una delle location scelte per il film, il regista siciliano racconta: «Aver umanizzato un personaggio così popolare e attorno al quale esiste una grande curiosità è una sfida stimolante». La vera sfida, a suo dire, è quella di unire alle ricerche scientifiche e antropologiche il mondo della fantasia dei bambini e condire il tutto con quell'impatto emotivo e spettacolare che solo il cinema sa dare. In più è la prima volta che Ötzi viene ripreso in un film: «Se lo meritava, è una figura densa di interrogativi rimasti irrisolti e di argomenti sviscerati dal punto di vista scientifico e antropologico che ci riportano alle nostre origini. Inserirlo in un contesto cinematografico amplifica l'importanza di queste scoperte e mi sento onorato di portare questo contributo». Come si è preparato? «Mi sono fatto mummificare anni fa – scherza – ho letto e visto quanto più potevo. Ho cercato di immaginare il volto dell'attore che potesse incarnarlo prima di trovare quello giusto, che restituisse vita a qualcosa che finora è stato solo immaginato. Mi sono fatto una mia idea e creato il "nostro" Ötzi».

Sul set intanto il via vai di tecnici e comparse è continuo. Le scene vengono girate in inglese e spesso, racconta l'attrice altoatesina Katja Lechthaler che nel film interpreta la direttrice del museo, si crea una gran confusione: «È molto bello lavorare in un set internazionale, con attori italiani e inglesi. C'è una bella atmosfera». Dello stesso avviso è l'attore romano Vinicio Marchioni: «Recitare in inglese è molto più divertente e in più insieme ad un cast incredibile». Vinicio nel film interpreta la parte del padre del protagonista Kip (Diego Delpiano). Kip è un ragazzino avventuroso ed è affascinato da Ötzi. Quando si reca per l'ultima volta al museo per salutare la mummia prima di lasciare per sempre Bolzano, accade qualcosa di magico: Ötzi si risveglia e ha inizio la rocambolesca avventura tra le montagne dell'Alto Adige. Per buona parte del film, racconta Vinicio Marchioni, il padre cercherà di ostacolare il giovane Kip, ma poi si lascerà contagiare dallo spirito avventuriero del figlio. «Tramite gli occhi dei bimbi, riscopro il potere della magia. Quando ho letto la sceneggiatura ho pensato "finalmente un film che potrò andare a guardare con i miei figli" ed è una cosa che non mi capita spesso».

Il film prodotto da One More Pictures con Rai Cinema è stato sostenuto dal Fondo altoatesino per le produzioni cinematografiche e televisive, è seguito sul posto da IDM Alto Adige.

(Foto: OneMorePictures/FedericoVagliati / BM) 


Sponsored ads


Search

Form di ricerca


Ultime Notizie


Latest Tweets